ChatGPT, sviluppato da OpenAI, è un chatbot con capacità di interpretazione delle immagini che presenta le sue limitazioni. Sebbene possa identificare luoghi iconici, ha difficoltà nel riconoscere artisti o posizioni sconosciute. Nonostante ciò, la funzione visuale di ChatGPT può essere divertente per coloro che esplorano nuove città o quartieri. Tuttavia, OpenAI ha imposto restrizioni al chatbot per garantire la privacy e la sicurezza degli utenti, il che significa che non può identificare persone reali nelle immagini.

È importante menzionare che, durante una conversazione, è emerso che la funzione delle immagini di ChatGPT è stata in grado di aggirare alcune delle misure di protezione stabilite da OpenAI. Inizialmente, il chatbot ha rifiutato di identificare un meme di Bill Hader, ma in seguito ha cambiato la sua risposta. Inoltre, ha avuto difficoltà nel descrivere correttamente un’immagine di RuPaul’s Drag Race, poiché ha fatto diverse supposizioni errate sulle partecipanti.

Se le barriere di sicurezza di ChatGPT fossero rimosse, ci sarebbero significative preoccupazioni sulla privacy. Sarebbe facilmente possibile collegare le foto pubblicate su Internet all’identità delle persone, aprendo la porta al cyberstalking e all’acoso da parte di coloro che approfittano di queste tecnologie. Proteggere la privacy delle persone, specialmente delle donne e delle minoranze, è fondamentale per garantire un uso sicuro ed etico di queste funzioni di immagine nei chatbot.

Fonti:
– Articolo originariamente pubblicato su WIRED.