Un team di scienziati di Quantinuum, QuTech e dell’Università di Stoccarda ha raggiunto un significativo progresso nella computazione quantistica tollerante agli errori utilizzando il computer quantistico H1. Questo sviluppo è cruciale per avanzare nel campo delle tecnologie quantistiche e per realizzare il potenziale dei computer quantistici in medicina, finanza, intelligenza artificiale e soluzioni ambientali.

I computer quantistici tolleranti agli errori sono in grado di superare gli errori che si verificano durante le operazioni quantistiche, renderli più affidabili e pratici per le applicazioni del mondo reale. La recente dimostrazione di Quantinuum mostra il primo metodo tollerante agli errori utilizzando tre qubit codificati logicamente nel computer quantistico H1, alimentato da Honeywell.

Il raggiungimento della tolleranza agli errori è una pietra miliare nello sviluppo dei computer quantistici. Consente soluzioni pratiche a problemi complessi in diversi settori, come la simulazione molecolare, l’ottimizzazione, la sicurezza informatica e l’intelligenza artificiale. I risultati di questo progresso, pubblicati in un nuovo articolo su arXiv, dimostrano il crescente ritmo di progresso nella computazione quantistica.

Quantinuum è stato all’avanguardia negli sviluppi nella computazione quantistica, raggiungendo costantemente importanti traguardi. I progressi precedenti includono la dimostrazione di porte entangled tra qubit logici e la simulazione della molecola di idrogeno utilizzando qubit codificati logicamente. Questi successi evidenziano l’impegno dell’azienda nel spingere i limiti di ciò che è possibile nella computazione quantistica.

Il team ha raggiunto la tolleranza agli errori eseguendo una somma di un bit utilizzando il circuito di tolleranza agli errori più piccolo conosciuto. Ciò ha portato a un tasso di errore significativamente inferiore rispetto a un circuito non codificato. I tassi di errore fisico dell’architettura del dispositivo di carica accoppiata quantistica (QCCD) utilizzata nei computer quantistici della serie H di Quantinuum hanno svolto un ruolo cruciale nel raggiungimento di questo livello di soppressione degli errori.

Sfruttando le porte Clifford logiche a bassa complessità e la porta CCZ trasversale del codice di colore tridimensionale, il team ha ridotto il numero di porte e misurazioni necessarie per una somma di un bit. Questo progresso dimostra che l’hardware reale è in grado di eseguire tutti i componenti essenziali della computazione quantistica tollerante agli errori.

Ilyas Khan, Direttore Prodotto e Fondatore di Quantinuum, ha sottolineato l’importanza di questo risultato e ha evidenziato le caratteristiche uniche dei computer quantistici della serie H. L’architettura a trappola di ioni offre i tassi di errore fisico più bassi e la flessibilità nel trasporto dei qubit, consentendo agli utenti di implementare una maggiore varietà di codici di correzione degli errori.

La computazione quantistica continua a evolversi rapidamente e i progressi di Quantinuum nelle operazioni quantistiche tolleranti agli errori aprono la strada a nuovi avanzamenti computazionali. Man mano che l’azienda unisce la qualità del suo hardware con compiti significativi del mondo reale, l’impatto della computazione quantistica in diverse industrie è destinato a aumentare.

Fonti:
– Quantinuum
– PR Newswire