Gli studiosi del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno sviluppato un nuovo metodo per creare materiali ultraristenti e leggeri utilizzando l’antica arte giapponese del kirigami. Modificando il pattern di piegatura dell’origami, i ricercatori sono stati in grado di trasformare le punte affilate di una struttura corrugata in superfici piane.
Queste superfici piane facilitano la fissazione di lastre alla struttura tramite perni o rivetti. I materiali risultanti, noti come griglie di lastre, sono più leggeri del sughero ma hanno un’elevata resistenza e rigidità. Inoltre, hanno proprietà meccaniche personalizzabili e possono essere fabbricati in diverse forme utilizzando un processo di costruzione modulare.
I materiali architettonici, come le griglie di lastre, trovano numerose applicazioni in settori come l’architettura, l’aeronautica e l’automotive. Spesso vengono utilizzati come nucleo in strutture a sandwich, che combinano resistenza e rigidità con proprietà leggere. Mentre le travi a traliccio sono state comunemente utilizzate a questo scopo, le griglie di lastre offrono una maggiore resistenza e rigidità.
Utilizzando il kirigami, che coinvolge la piegatura e il taglio della carta, i ricercatori sono riusciti a fabbricare griglie di lastre di alluminio con una resistenza alla compressione di oltre 62 chilonewton e un peso di soli 90 chilogrammi al metro quadrato. Questa tecnica supera le sfide legate alla produzione di griglie di lastre con forme complesse utilizzando metodi tradizionali come la stampa 3D.
Questo avanzamento nei materiali architettonici apre nuove possibilità per la creazione di strutture forti e leggere che possono adattarsi a specifiche applicazioni. L’utilizzo del kirigami offre una soluzione scalabile ed economica per fabbricare questi materiali su una scala maggiore.
Fonti:
– Investigatori del MIT sviluppano strutture forti e leggere utilizzando il kirigami: [Fonte]
– Definizione del MIT: [Fonte]
– Definizione di nanodimensione: [Fonte]
– Definizione di fotone: [Fonte]